Gaetano Bevilacqua: due acqueforti e un collograph